Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up
Il-mistero-dell'esperienza-estetica

Il mistero dell’esperienza estetica

Una costante nell’itinerario biografico di Gabriel Marcel è rappresentata dalla musica. L’improvvisazione al pianoforte riveste una grande importanza nella sua non secondaria attività di musicista. L’improvvisazione vissuta come preghiera, estasi mistica che lo proverà anche fisicamente; la testimonianza di una reale coalescenza di ipseità e di trascendentalità, che cercano di congiungersi in un punto x della concrezione sonora. Affidandosi alla trasgressività del logos estetico, il filosofo pone su un piano d’intelligibilità metafisica l’altrimenti indicibile dell’essere, il già e non ancora, il destino della polarità dialettica tra esistenza e trascendenza. Il rapporto di Marcel con la musica è un rapporto complesso che non può assolutamente ridursi a un aspetto del suo itinerario, ma rappresenta, come lui amava definire, un nucleo vivo e incandescente della sua vita, che ha orientato intimamente le sue scelte e il suo percorso, e che si è via via chiarificato e problematizzato con l’evento della sua conversione al cattolicesimo.

Condividi:
https://www.giovannibotta.com